Iscriviti alla nostra Newsletter     Seguici su Facebook 
Logo Tutto Bio

PULIZIE DI PRIMAVERA: smaltiamo l'inverno

28
marzo 2015
PULIZIE DI PRIMAVERA: smaltiamo l'inverno

Ormai ci siamo. E’ vero, gli alberi, tranne qualche eccezione, sono ancora piuttosto spogli e, ma la natura si sta risvegliando e tra poche settimane le gemme sui rami si saranno trasformate tutte in fiori. Anche se spesso ce ne dimentichiamo, anche noi avvertiamo il cambio delle stagioni. In questo periodo nasce naturalmente il desiderio di cambiare – per quanto possibile – vita, permettendo al nostro organismo di sbocciare in sintonia con cio’ che ci circonda. Ossia, abbandonando le abitudini invernali considerate poco sane, come il poco movimento, le lunghe permanenze in ambienti chiusi e un’alimentazione caratterizzata da alimenti sostanziosi, che ci attirano per resistere al freddo ma che il piu’ delle volte sono troppo ricchi di calorie, proteine animali, grassi, sale o zuccheri. E, a seconda dello stile di vita invernale, sara’ ovviamente diversa “l’urgenza” di cambiare: se alle porte della primavera ci ritroviamo sovrappeso e con poche energie vuol dire che l’organismo richiede piu’ attenzioni: ovvero piu’ movimento all’aria aperta e una dieta equilibrata e leggera, ricca di liquidi e di alimenti con proprieta’ disintossicanti.
Via le tossine con gli ortaggi crudi.
Parlando di alimentazione, gli eccessi invernali in qualche modo hanno intossicato i tessuti con le loro sostanze di rifiuto. Normalmente le sostanze di scarto possono derivare sia dai processi digestivi, sia dalle attivita’ delle cellule nei normali processi metabolici. Queste poi vengono convogliate al fegato. Ed e’ proprio il fegato a rielaborare le tossine inviandole al rene, o all’intestino con la bile, per l’escrezione. Non e’ certo un caso che la maggior parte degli alimenti di stagione in questo periodo dell’anno abbiano la capacita’, in particolare, di aiutare la funzionalità degli apparati emuntori. Tra questi troviamo il carciofo, noto per la sua azione protettrice del fegato e ipocolesterolemizzante dovuta per lo piu’ alla cinarina, alcaloide che pero’ e’ piu’ disponibile quando questo ortaggio e’ mangiato crudo (peraltro così viene stimolata anche l’azione drenante grazie alla presenza dei tannini). Segue la numerosa famiglia delle cicorie, alla quale appartengono anche radicchio e indivia. Tra queste hanno una spiccata proprieta’ depurativa il tarassaco, la cicoria da campo e la cicorietta spadona. A tavola e’ consigliabile consumarli crudi in insalata per cogliere tutte le loro virtu’, tranne che nel caso della cicoria, troppo amara da cruda e che percio’ viene tradizionalmente lessata e condita con olio e limone. Infine, non va tralasciata l’azione diuretica e disintossicante della cipolla e del porro (ricchissimi di potassio e calcio): inseriteli spesso, rosolandoli dolcemente in poco olio.
Le regole base per sgonfiarsi.
BEVETE A SUFFICIENZA
Servono almeno un litro e mezzo-due d’acqua al giorno: bere e’ il principale atto terapeutico per aiutare e consentire i processi di depurazione dell’organismo.
NON SOLO ACQUA
Per potenziare l’effetto depurativo ed alcalinizzante della dieta, utile per contrastare una condizione di acidosi metabolica dovuta agli stress invernali, bevete durante il giorno al posto dell’acqua spremute di agrumi, succhi freschi (cioe’ fatti in casa e senza l’aggiunta di zuccheri) di frutta e centrifugati di verdure.
LE ERBE DELLA SALUTE
ASPARAGI disintossicarsi con gusto
Gli asparagi facilitano la disintossicazione grazie all’asparagina, un aminoacido che velocizza il metabolismo delle proteine e degli zuccheri. Inoltre, contengono la rutina, un composto che rinforza il sistema circolatorio. Sono quindi un ortaggio ideale per chi ha problemi di sovrappeso associato a ritenzione idrica.
TARASSACO fegato in salute
Le foglie di tarassaco sono ideali per drenare in profondita’ il fegato, favorire la produzione di bile e alleggerire questo importante organo dalle tossine, in modo da favorire una generale disintossicazione. L’azione sul fegato e’ dovuta a una sostanza amara, la tarassicina, che, in sinergia con la vitamina B3, ne stimola il metabolismo e fluidifica la bile. Tra i vegetali e’ uno degli alimenti piu’ ricchi di calcio e quindi particolarmente consigliato ai vegani. In Italia, in particolare nell’Appennino toscoemiliano, si usano le radici di tarassaco tostate come surrogato del caffe’.
LATTUGHINO l’antifame per eccellenza
Il lattughino e’ molto saziante e poco calorico: consumato prima dei pasti riempie con velocita’ lo stomaco, facilita la regolarita’ intestinale e migliora la diuresi. Le fibre sono molto delicate, per cui si adatta perfettamente anche a chi soffre di colite. E’ molto ricco di vitamina K, importante per la buona salute
della tiroide, ghiandola che fa da guardiano all’accumulo o all’eliminazione del grasso corporeo. In sintesi, e’ particolarmente indicato per chi soffre di fame nervosa e per chi e’ sottoposto a una lunga dieta.
 

  Notizie correlate
Il biologico italiano: avanti, nonostante la crisi Il biologico italiano: avanti, nonostante la crisi
Secondo i dati diffusi oggi dal SANA, la fiera internazionale dell'agricoltura biologica che si tiene a Bologna ogni anno in questo periodo, l'Italia registra un andamento in crescita a livello internazionale, in questo settore, riconfermandosi il maggior esportatore e il primo produttore di ortaggi, cereali, agrumi, uva e olive biologici. I consumi nei primi quattro mesi del 2011 ...continua
Come sostituire l' uovo Come sostituire l' uovo
Molti hanno scelto di non utilizzare più le uova per vari motivi. Uno è quello legato alla sua composizione, visto che circa il 70% delle calorie proviene dai grassi e contiene molto colesterolo, circa 200 milligrammi per un uovo di medie dimensioni. Altri,come i vegani, sono fermamente convinte che non si debba utilizzare nessun componente animale o derivato per potersi nutrire; ...continua
Panettone Bio: bonta' ritrovata. Panettone Bio: bonta' ritrovata.
Il re dei dolci natalizi, apprezzato in tutto il mondo, viene proposto in tante varianti: industriali, artigianali, biologiche e con l’aggiunta di glasse o farciture. Per fare una buona scelta la lista degli ingredienti, come sempre puo’, essere d’aiuto. Un primo indice  e’ l’assendiza additivi, fra cui l’alcool etilico, emulsionanti (E471-472), conservan...continua
Cereali: risolvere la sensibilita' al frumento con il KAMUT Cereali: risolvere la sensibilita' al frumento con il KAMUT
Facciamo chiarezza sul grano Kamut. Partiamo chiarendo che Kamut non e' il suo vero nome o meglio, Kamut e' da intendersi come Fanta, San Pellegrino, Oran Soda, Orangina...cioe' come un marchio commerciale registrato che sta ad identificare in quest’esempio una bevanda a base di succo d’arancia e soda. Il nome del grano in questione e' GRANO KHORASAN. La societa' Kamut Internetio...continua
Amaranto in cucina Amaranto in cucina
Chi è interessato a seguire un’alimentazione varia e salutare, dovrebbe ruotare il consumo di cereali alternando, farro, orzo, riso, kamut, amaranto, quinoa, e così via, in modo da assumere i diversi nutrimenti e allo stesso tempo regolare l’intestino. Partiamo dall’amaranto. L’amaranto, ancora poco conosciuto, è un seme particolare, anzi di più...continua
Tutte le Notizie
Commenti per PULIZIE DI PRIMAVERA: smaltiamo l'inverno
© 2012 - Tuttobio - Alimenti Biologici e cosmesi naturale | P.IVA 04454580756 - Link utili